La German Lost Art Foundation ospita incontri con i discendenti di collezionisti d’arte ebrei

I mecenati e i collezionisti ebrei hanno avuto un ruolo importante nella vita culturale tedesca sin dal diciannovesimo secolo. Quando i nazionalsocialisti salirono al potere, furono perseguitati e privati ​​dei diritti civili e le loro proprietà sequestrate e saccheggiate. Molte collezioni d’arte un tempo importanti sono ancora disperse oggi e i loro collezionisti sono spesso dimenticati. La German Lost Art Foundation finanzia progetti con i discendenti a cui viene ricostruita la loro eredità perduta, rievocando una parte vitale della storia culturale e promuove tre conversazioni con Alfred Fass, Rafael Cardoso e Johannes Nathan per raccontare la ricerca delle collezioni perdute delle loro famiglie e la ricostruzione della memoria.

Lo scorso 11 luglio si è tenuto l’incontro con Alfred Fass in conversazione con Yana Slavova e Uwe Hartmann. Fass è un uomo d’affari e storico in Israele, pronipote del produttore di giocattoli di Norimberga Abraham Adelsberger (1863-1940), che possedeva una collezione d’arte di almeno 1.000 oggetti. Dopo che la sua azienda Fischer & Co. ebbe difficoltà finanziarie alla fine degli anni ’20, Adelsberger utilizzò parti della collezione come garanzia di prestito con istituti di credito come la Dresdner Bank. L’Abraham Adelsberger Art Research Project dell’Institute for Art History della Freie Universität Berlin, finanziato dalla German Lost Art Foundation, ricostruisce la collezione e indaga anche sul ruolo delle banche nella monetizzazione degli oggetti. Mentre Abraham Adelsberger vendeva opere d’arte all’asta prima del 1933, la famiglia perse il resto della collezione a causa della persecuzione nazista. Nel 1939, Abraham Adelsberger fuggì con la moglie Clothilde ad Amsterdam, dove morì nel 1940. Clothilde Adelsberger fu deportata nel campo di concentramento di Bergen-Belsen nel 1943 e sopravvisse all’Olocausto.

Il ciclo prosegue con gli appuntamenti del 25 luglio e dell’1 settembre, secondo le seguenti modalità:

25 luglio, ore 18.00: Rafael Cardoso in conversazione con Catherine Hickley
Nato in Brasile, Rafael Cardoso è cresciuto ignorando la sorte del bisnonno Hugo Simon. Fu solo dopo aver trovato una cassettiera piena di documenti nella tenuta dei suoi nonni a San Paolo che iniziò a ripercorrere la storia della persecuzione della sua famiglia ebrea tedesca. Il banchiere, pacifista e politico Hugo Simon (1880-1950), fu un uomo influente nella Berlino degli anni ’20 che dopo la Rivoluzione di novembre del 1918 divenne per un breve periodo ministro delle finanze prussiano. Simon è stato anche determinante nella creazione del Dipartimento Neue alla National Gallery. Egli stesso possedeva una delle più importanti collezioni d’arte di Berlino con circa 200 opere. Quando Hugo Simon fu costretto a fuggire dalla Germania nel 1933, riuscì a portare la maggior parte della collezione all’estero, ma dal 1934 fu costretto a vendere opere d’arte e ne perse altre durante l’occupazione tedesca a Parigi. Alla fine della guerra, in esilio in Brasile, Hugo Simon poté disporre solo di poche opere. Il suo pronipote Rafael Cardoso, in un progetto promosso dalla Fondazione insieme al Dipartimento di Storia dell’Arte dell’Università di Amburgo, si dedica alla ricostruzione della collezione e alla ricerca della sua ubicazione.

Il Prof. Dr. Rafael Cardoso è uno storico dell’arte e scrittore che ora vive a Berlino.
Catherine Hickley scrive come giornalista per The Art Newspaper e The New York Times, tra gli altri. È anche curatrice capo del Museo Berend Lehmann di Halberstadt.

La conversazione si svolgerà in inglese. L’evento si terrà online tramite Webex. L’iscrizione è gratuita ma necessaria fino al giorno prima dell’evento. I partecipanti riceveranno i dettagli di accesso il giorno dell’evento.

1 settembre, 18:30: Johannes Nathan in conversazione con Lea Rosh (evento in persona alla Villa Liebermann sul Wannsee e online)
Johannes Nathan è un discendente di Hugo Helbing (1863-1938) che, fino al 1935, è stato uno dei principali mercanti d’arte e banditori d’asta in Europa e ha accumulato una significativa collezione d’arte. Oltre alla sua attività principale a Monaco, Helbing ha mantenuto una filiale a Francoforte sul Meno e un ufficio a Berlino e ha lavorato a stretto contatto con il mercante d’arte berlinese Paul Cassirer. Le sue aste erano considerate eventi sociali ed è stato premiato per i suoi servizi alle collezioni di pittura statali bavaresi. Dopo il 1933, la sua attività cadde in disgrazia. La notte del pogrom, Hugo Helbing fu aggredito nel suo appartamento e maltrattato così gravemente che soccombette alle ferite riportate il 30 novembre 1938. Due giorni dopo iniziò la liquidazione forzata della sua attività artistica e la collezione fu sequestrata ai suoi eredi.

Il Dr. Johannes Nathan è uno storico dell’arte e mercante d’arte a Potsdam e Zurigo e presidente della Max Lieber­mann So­ci­ety Berlin e.V.  
Lea Rosh è un’autrice e pubblicista pluripremiata.

La conversazione si terrà in tedesco. Per l’evento del 1 settembre nella Villa Liebermann, è necessario iscriversi entro il 25 agosto. Inoltre, l’evento sarà trasmesso in streaming online. Il link verrà pubblicato poco prima dell’evento.


Le iscrizioni vanno effettuate tramite:
Hein­rich Natho
Press Of­fice Ger­man Lost Art Foun­da­tion 
Tel. +49 (0) 391 727 763-23
veranstaltungen@kulturgutverluste.de

Ultimi articoli

error: Copiare è un reato!