Alla Soprintendenza archeologica di Napoli 18 reperti archeologici sequestrati a un privato collezionista e provento di scavi clandestini

Il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli ha restituito alla locale Soprintendenza A.B.A.P per l’Area Metropolitana di Napoli 18 reperti di rilevante interesse archeologico, sequestrati ad un collezionista privato, in quanto provento di reato. I beni, databili tra il V ed il III secolo a.C., sono prevalentemente costituiti da vasellame prelevato da corredi funerari antichi, come crateri, anfore, skyphoi, unguentari, hydriai, ollette e gutti. Rinvenuti inoltre nella disponibilità dell’indagato diversi manufatti di area mesoamericana importati illecitamente.

Le indagini, condotte dal Nucleo TPC di Napoli in collaborazione con l’Arma Territoriale del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata sviluppate anche attraverso i canali internazionali delle rappresentanze diplomatiche estere e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Nola, hanno permesso di acclarare l’illecita provenienza dei beni oggetto della presente restituzione, tutti riconducibili a scavi archeologici clandestini e al traffico illecito di beni culturali. 

Di fondamentale importanza per le indagini è stato inoltre l’ausilio della Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che può contare sul database di opere d’arte da ricercare più grande al mondo, contenendo oltre 1.200.000 oggetti asportati e quasi 56.000 furti denunciati.

[Fonte: Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale di Napoli].

Il contenuto della pagina può essere scaricato in formato PDF.

Ultimi articoli

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
error: Copiare è un reato!